Gemellaggio


60° Anniversario del gemellaggio tra Vespa Club Dauphinois e il Vespa Club Torino

 

Logo Vespa Club Torino

Durante il fine settimana del 20 e 21 Luglio si sono svolte le celebrazioni del 60°Anniversario del”Gemellaggio” tra il Vespa Club Dauphinois e il Vespa Club Torino. Primo Gemellaggio Internazionale tra Club a due ruote

Come una mattina di 60 anni fa, sabato 20 una nutrita delegazione di Vespisti Torinesi, circa 30 Vespa, ha calorosamente dato il benvenuto ad una cinquantina di Vespa Francesi al confine tra Francia ed Italia al posto di frontiera del Monginevro.

Un emozionato saluto ha preceduto le doverose presentazioni dopo di che la carovana, ora italo-francese, si è diretta verso il forte di Exilles dove, presso il ristorante locale, è stato consumato il pranzo di benvenuto.

Nuovamente in sella con destinazione le porte di Torino dalle quali, con la scorta della Polizia Municipale, il folto gruppo ha raggiunto Palazzo Birago di Borgaro sede della Presidenza della Camera di commercio di Torino gentilmente messo a disposizione per la celebrazione della cerimonia ufficiale..

Nella sale del Consiglio, infatti, è stato firmato dai rispettivi Presidenti il rinnovo del patto di Gemellaggio del 1952 tra i due Club.

La cerimonia si è svolta alla presenza del Sindaco aggiunto della città di Grenoble, Monsieur Alain Pilaud, quale conferma degli stretti legami tra la città d’oltr’Alpe e Torino e dei Presidenti di alcuni Vespa Clubs della provincia di Torino.

Al termine della Cerimonia la “gran sfilata” attraverso i luoghi simbolo della città di Torino con una breve sosta davanti al Municipio per la foto ricordo. Qui, sessanta anni prima fu firmato l’originale patto di Gemellaggio tra i due Vespa Club.

Finalmente il serrato programma ha concesso agli amici Francesi un meritato riposo in hotel prima dell’aperitivo sulle rive del Po a Moncalieri.

Domenica mattina partenza con destinazione la Basilica di Superga. Visita alla chiesa juvarriana, uno sguardo ammirato al panorama cittadino ed l’immancabile benedizione del Priore che ha voluto con la sua disponibilità testimoniare la sua passata anima vespistica

l’ultima tappa di questo intenso fine settimana è stata la città di Giaveno che ci ha riservato una calorosa accoglienza; ad attenderci il Sindaco e una nutrita schiera di Assessori, molto sensibili al legame tra Italia e Francia e appassionati Vespisti.

Il pranzo di commiato si è svolto presso la sede dell’A.N.A di Giaveno.

Sulla via del ritorno l’ultimo gioioso abbraccio, un saluto e un arrivederci con l’augurio e l’impegno di alimentare questa splendida ed antica amicizia.